Andrea Giardina “Roma”

L’ultimo secolo della Repubblica romana fu segnato dalle guerre
civili. La stagione fu inaugurata nell’82 da Silla, che per
primo condusse un esercito di romani contro la patria, e conclusa da
Ottaviano nel 31, con la vittoria su Antonio e Cleopatra. Le regole
della convivenza furono sconvolte, le cose sacre profanate, i
cittadini contro i cittadini, i figli contro i padri, i fratelli
contro i fratelli. I pilastri immateriali che per quattro secoli,
anche nei momenti di crisi, avevano sostenuto la città,
andarono in frantumi. Come spesso accade, sia gli antichi sia i
moderni hanno contemplato questi scenari con un sentimento ambiguo: la
riprovazione e la condanna morale si sono accompagnate alla
fascinazione esercitata dall’orrido, dal macabro e soprattutto
dai racconti avvincenti. Grandi protagonisti, vertiginose cadute e
successi imprevisti. Oggi quell’epoca ci appare anche come un
laboratorio dove procedere a una prima “anatomia” delle
guerre civili, dove la guerra delle armi si riflette nella guerra
delle parole.

Fondazione Musica per Roma – Auditorium Parco della Musica RSS