Casa dell’ Arte

Coming Soon…

Piacenza, Chiesa delle Teresiane

Pensare alla parola “casa” significa richiamare alla mente il suo primitivo significato di capanna, luogo di protezione,

dove si può dimorare al coperto (la radice kha o cha o sku o ku rimanda al significato di coprire, oscurare).

La casa, quella ideale, quella sognata, diviene così immagine del sé, simbolo archetipico della totalità psichica, dove la nostra storia si intreccia con l’inconscio collettivo vero e proprio, riproducendo la più completa e antica manifestazione dell’anima  nella sua intrinseca necessità di espressione, soddisfacendo così al bisogno di proteggere la “fragilità” dell’essere.

Eppure il termine “casa” racchiude in sé anche il concetto latino di domus nel suo significato di abitazione della famiglia (nella stessa sfumatura linguistica che ne dà la lingua inglese con l’espressione “home”); casa dunque nella sua declinazione di domicilio – composto di domus e cilium – e la derivazione di quest’ultima parola dal verbo colere=abitare  decodifica un secondo significato di casa quale luogo in cui si abita, ossia luogo dell’abitare.

Poiché l’essenza dell’abitare è il tratto fondamentale dell’essere dell’uomo, la chiave di volta si sposta quindi dall’oggetto, casa, al soggetto – uomo che la abita – per il quale essa stessa rappresenta il proprio mondo emozionale.

Infatti abitare «non è primariamente occupare, ma l’avere cura e creare quello spazio nel quale qualcosa di individuale sorge e prospera» [Martin Heidegger , Costruire abitare pensare]; ricondurre l’uomo verso l’equilibrio dell’Ecosistema uomo – casa – ambiente significa pertanto ricondurre il manufatto alla dimensione dell’essere temporale dell’uomo, riportandolo all’autenticità:abitare poeticamente significa allora essere toccato dalla vicinanza delle cose.

Pensare dunque ad una casa dell’arte, significa far abitare l’arte, “prenderne cura”, riempire uno spazio di “possibilità” e dis-velare “stanze” di quel nostro mondo emozionale, in un continuo spostarsi dal “fuori” al “dentro”.

Pages: 1 2 3