Chiara Mercuri “Firenze”

“Dovunque sorga una controversia, lì deve esistere la
possibilità di un giudizio” scrive Dante ne La Monarchia,
mentre nell’Italia del Trecento, ovunque nasca una controversia
non esiste alcuna possibilità di ottenere giustizia
perché due sono i poteri e due sono le parti destinate a
restare sempre in bilico, in un eterno braccio di ferro.
Con i Guelfi o con i Ghibellini, per il Papa o per l’Impero, ma
quasi mai per un diverso modo di vedere il mondo, quasi sempre e solo
per opportunità e contingenza.
Guelfi e Ghibellini, due entità amorfe, mobili, dilatabili,
imprevedibili come la ruota della Fortuna, come la ruota dei Cerchi e
dei Donati, destinati ad andare sempre in tondo, in un continuo
avvicendarsi tra perseguitati e persecutori, tra vittime e carnefici.
Dal recesso inascoltato del loro “esilio”, due scrittori,
Dante Alighieri e Dino Compagni, ci portano nell’Inferno della
Firenze dei Guelfi e dei Ghibellini, facendoci sentire l’odore
del sangue e della paura.

Fondazione Musica per Roma – Auditorium Parco della Musica RSS